A.C.A. CIMETTA                                                                                                      

Associazione Calcio Amatori

 
 

2008/2009

2007/2008

2006/2007

 

2 CLA.

 

HOME ACA TEAM CAMPIONATO LA GAZZETTA FOTO-VIDEO ARCHIVIO ACA COMUN. AREA RISERVATA

Sei in: Home>>La Gazzetta>>Pagina9

LA GAZZETTA

 

Dinone resta in stato di fermo
Passerà la notte in prigione

Dino positivo all'EPO: Cimetta sotto schok

 

 

Il ramerese, positivo all'Epo dopo il controllo effettuato l'8 luglio a Cimetta, è stato interrogato a Treviso dalla polizia. Il procuratore della Repubblica di Treviso ha aperto un'inchiesta preliminare. Il calciatore trascorrerà la notte in detenzione cautelare e domani sarà ascoltato da un giudice d'istruzione.

Cimetta (Italia), 17 luglio 2008 - Dino Cal, è ancora in stato di fermo nel quartier generale di Treviso. E vi rimarrà ancora a lungo. Il procuratore della Repubblica , ha annunciato di aver aperto "a fine mattinata un'inchiesta preliminare" per chiarire gli aspetti penali della vicenda (a Cimetta il doping è un reato). Con il calciatore, al momento, ci sono solo un legale e un interprete (la erre moscia non è sempre chiara al pm). Con ogni probabilità, passerà la notte in cella, in detenzione cautelare, e soltanto domani mattina sarà ascoltato da un giudice d'istruzione.

 

SU L'EQUIPE - La notizia è apparsa alle 12.26 tra le news del sito de L'Equipe: "Dino Cal positivo ai controlli antidoping. Tracce di Epo di terza generazione nelle sue urine".

Cimetta - I controlli si riferiscono alla partita di Bagnolo disputata l'8 luglio scorso a Bagnolo. La conferma arriva dal Tripipi , presidente dell'Agenzia italiana della lotta al doping, l'unico organo accreditato dall'Aso, che da questa edizione ha estromesso l'Uci: "Le tracce di Epo di terza generazione sono state trovate negli esami svolti dopo la quarta partita". Nella stessa frazione fu riscontrata la positività del Chappel amico di infanzia del Cal, che però è stato fermato ieri e che ha lasciato solo oggi all'ora di pranzo il carcere di Santa Bonadi  in libertà condizionata per tornare a Campolongo insieme ai fratelli.

INTERROGATO - Il ramerese, . L'atleta è stato raggiunto dalla polizia al Mamilla, prima della partenza per Padovo,  e portato via a bordo di un'auto della squadra per essere interrogato mentre la folla lo copriva di fischi e insulti. E' stato interrogato a lungo visto che per la legge cimettese è un reato penale il traffico di prodotti dopanti (non certo l'assunzione) con pene fino a 5 anni e multe fino a 75mila euro.

 

I"CATASTROFE" - "Quando l'ho sentito ero in macchina e non avevo parole. La prima sensazione era quella di mollare tutto e andare a casa. Il calcio è la mia vita, ma queste cose mi hanno fatto perdere passione, gioia di vivere e passione per il mio lavoro". È un Pietro Armellin affranto quello che commenta, ai microfoni di Eurosport, la notizia della positività di Dino Cal alla Cera, l'Epo della terza generazione. "È più di una sorpresa - ha commentato il general manager dell'ACA CIMETTA, squadra del calciatore ramerese . -. Tutta la squadra aveva lavorato alla grande. È una cosa catastrofica".

 

L'ACCUSA DI LELE - "Se dovesse essere confermata, sarebbe una notizia terribile per la nostra squadra", ha detto lo spagnolo Giovan Batista Fra Tas. Durissimo il commento di LELE : "Non mi sorprende che sia capitato a Dino". e ha aggiunto senza pietà: "E' arrogante, nessuno lo ama in gruppo". Andrea Perin esprime più saggiamente preoccupazione: "È uno shock. Dinone era uno dei calciatori faro e ciò che è successo non può che provocarmi dispiacere. Penso che adesso sarà difficile per il Cimetta ritrovare consensi".

 


 

 

 

Associazione Calcio Amatori Cimetta

via Cavour, 31010 Cimetta TV

info cimetta@acacimetta.it

Copyright © 2007 [acacimetta]. Tutti i diritti riservati.
Ultimo aggiornamento: 11-10-2009